Quali sono i siti per freelance e che cosa devi sapere prima.

Molti freelance non puntano su questi siti, preferendo costruirsi un proprio mercato con strategie di comunicazione, SEO e personal branding che necessitano di differenti competenze, rispetto al web-design ed allo sviluppo.
Di seguito vediamo i modi per sfruttare i siti specifici per professionisti, i limiti e le potenzialità.

I siti per freelance, che cosa devi sapere prima di entrarci.

Questi siti offrono la possibilità a chi cerca una collaborazione, di pubblicare un annuncio gratuitamente, oppure di presentarsi adeguatamente come professionista ed aspettare di essere cliccato dai clienti che visitano il sito quotidianamente.

Attenzione ai i prezzi (molto) bassi della concorrenza.

WORDPRESS WEBSITE 25 EUROSe volete fare di questi siti il vostro vero canale di vendita, ci sono dei rischi dovuti ai prezzi più economici della concorrenza.

A meno che non siate molto bravi nella comunicazione o comunque in grado di crearvi una reputazione che vi garantisca clienti fidelizzati e passaparola.

Impossibile, per un italiano che paga le tasse, eguagliare i prezzi di chi risiede in Paesi dove il costo della vita è sensibilmente inferiore ed il fisco più agevolato. Quindi la competizione con questa concorrenza non può svolgersi sul piano economico.

Il “sito WordPress a 25 euro (o dollari)“, come gli interventi tecnici a 5 euro/ora che troviamo in alcuni siti internazionali, sono offerte dietro alle quali spesso c’è una strategia che riesce a portare il fatturato di quel professionista a numeri molto interessanti. Nel seguente post troverai tutti i dettagli su come agiscono i lavoratori autonomi che riescono a trarre i maggiori guadagni da questi siti.

5 passi per lavorare da freelance, contro la concorrenza a basso costo.

I piani free e Pro sui siti per Freelance

In modo diverso, ma questa regola vale generalmente per tutti i siti del settore: i professionisti che possono aspirare a rispondere agli annunci, spesso godono di un’iscrizione gratuita, ma solo per accedere a progetti (così vengono chiamate le offerte) di basso budget o hanno altre limitazioni.
Con i piani a pagamento, invece, i freelance possono accedere a tutte le offerte di collaborazione e godere di accrediti, recensioni e valutazioni.

4) TWAGO

twago

Probabilmente il più famoso, fa incontrare chi cerca ed offre lavori in vari settori (gli annunci pubblicati da chi cerca professionisti, sono chiamati progetti):

  • Web & Programmazione
  • Design & Media
  • Vendite e marketing
  • Servizi alle imprese
  • Traduzione
  • Scrittura

Annunci di progetti WordPress su TWAGO.

annunci su twago per progetti wordpress

+ altri 6 siti per FREELANCE:

Sempre grazie a Google, non sarà difficile trovare numerosi siti dove poter promuovere le proprie competenze o accedere alle offerte altrui. Ecco i più consultati – italiani ed internazionali:

Adesso troverai utile proseguire con:

Freelance: la Mappa per il Personal Branding e le Digital Relation

Chi si fa in quattro per questa community :)

WebSite Facebook

Leave a Reply