Come guadagnare con un Blog di Viaggi (ma non solo)

Aprire un blog che generi entrate non è un’impresa facile, non ci sono dubbi però che diversi freelance ci siano riusciti col tempo e con l’impegno costante. Le storie di ognuno possono essere anche molto diverse, ma li accomunano le buone pratiche messe in campo, anzi, online.

Le best practice per i Blog, in generale.

Le caratteristiche che fanno guadagnare un Blog di viaggi, valgono per qualsiai blog. Il motivo per cui esistono diversi siti e tutorial su questo tema, è che i viaggi sono tra gli argomenti più consultati online.

Oltre ai viaggi, altri argomenti molto ricercati sono:

  • Salute
  • Cucina
  • Moda

Giusto per indicare i primi, ma la lista si allunga a dismisura se poi andiamo a ricercare anche gli argomenti correlati e di approfondimento, ad esempio: cucina – toscana, esotica, macrobiotica, etc. etc.

Controlla le parole chiave del blog che avrai.

Qualsiasi argomento tu voglia trattare, in modo generale o approfondito, è utile fare ricerche con gli strumenti per le parole chiave che tratterà il tuo blog. Esamina le SERP ed i siti già presenti sulle prime pagine di Google, con i quali dovrai spartire il posizionamentoIn generale, posizionarsi sul mercato significa, per un'azienda come per un professionista, rendersi visibile al... More ed il traffico.

I blog di nicchia

Sono quelli che parlano di argomenti non seguiti dalle masse, ma che nella loro sfera d’azione hanno un buon seguito.

Per quali professioni funziona un blog di viaggi?

In teoria per chiunque, ma in realtà oltre al tempo necessario per scrivere i contenuti e realizzare ottime foto, richiede abbastanza tempo anche per la sua promozione e la gestione dei contatti. Quindi è difficilmente consigliabile a chi ha già un lavoro a tempo pieno.

Può essere remunerativo per chiunque lavori via Internet da casa, ovviamente: come scrittori, consulenti, programmatori e web-designer, che viaggino per lavoro oppure per passione, nel tempo libero.
Ma funziona pure se sei fotografo (ci sono, infatti, molte testimonianze di fotografi blogger di successo, italiani e stranieri) o se fai il cuoco a domicilio, oppure il musicista che si guadagna da vivere suonando in giro per il mondo.

Perché attraverso il blog puoi promuovere efficacemente qualsiasi attività.

come guadagnare con un blog di viaggi

Ma è necessario essere Nomadi Digitali?

No, vivere viaggiando non è un requisito imprescindibile. Ci sono blogger che magari hanno figli in età scolare e non possono adottare la vita da nomade digitale, ma viaggiano durante le vacanze e sanno raccontarlo e condividerlo.
Quindi quello che è veramente necessario per monetizzare un blog, è realizzare un buon sito con un progetto editoriale e di comunicazione.

Ricetta di base per il blog da monetizzare:

  • STRUTTURA: anche molto semplice, ma che sappia far risaltare le immagini.
  • CONTENUTI: testi informativi, tutorial, interviste, diario personale.
  • MEDIA: Foto e video di buona qualità.
  • ISCRIZIONE: per ricervere la Newsletter ed eventuali tutorial esclusivi, solo per iscritti.
    (Non dimenticare il certificato SSLLa sigla significa Secure Sockets Layer Ed è un protocollo di sicurezza. La URL di... necessario per chedere l’iscrizione).

Guadagni indiretti via Blog, dalla promozione

Sono quelli che non vengono da vendite dirette di software o click du banner o donazioni, inseriti sul blog, ma dalla tua vera professione che riesci a promuovere molto bene grazie al blog.

La Comunicazione da curare

  • Personal Branding
    Per creare un buon profilo sui social ed il giusto atteggiamento per le Digital RelationLe digital relation sono una disciplina del web-marketing che si è sviluppata sin dalle prime....
  • Email dirette agli iscritti.
    Sono quelle che generano la maggior parte delle vendite dei tui servizi e contribuiscono alla fidelizzazione.
  • Pubblicità
    Facebook Ads ha dato risultati abbastanza soddisfacenti anche con piccoli budget, ma la campagna va sempre coordinata con l’intera attività editoriale.

Guadagni indiretti: Corsi di Formazione – 2 fra le tante CASE HISTORY

Digitando su Google “interviste a blogger di successo” troverete altre decine di casi. Nei due che segono, nNonostante la differenza nella professione ed in alcune tattiche, in entrambi i casi il blog ha funzionato come strumento per la promozione dei propri corsi.

Alessio Furlan – fotografo

Il suo blog conta 100.000 visitatori unici mensili. Ha venduto circa 25.000 dei suoi corsi solo in Italia, generando un business da migliaia di euro al mese.

La testimonianza di Alessio Furlan su blogfacile:

“La procedura di acquisizione clienti era molto semplice quanto efficace: un prodotto in omaggio in cambio della registrazione alla mia mailing list. Ad ogni nuovo iscritto inviavo una serie di email promozionali che spingevano i potenziali clienti all’acquisto dei miei manuali a pagamento.
Il blog, col passare del tempo, generava sempre più visitatori e ad oggi attrae circa 100 mila visitatori mensili.

Questo incremento di traffico è stato possibile investendo sistematicamente un paio di Euro su Facebook ADS per ogni articolo che pubblicavo. Dopo parecchi test ho identificato la fascia di persone che rendeva meglio per i miei annunci, ottimizzando gli investimenti fatti su questa piattaforma.
I guadagni ovviamente sono aumentati proporzionalmente all’aumento del numero dei visitatori”.

Davide Pozzi – Il Tagliaerbe

Intervistato da Italian Indie insieme ad altri blogger italiani di successo, ha detto, fra l’altro:

“Considero il blog da un lato un hobby, e dall’altro un’ottima vetrina.
Vendo qualche banner – anzi, a dire il vero tutte le posizioni banner sono sempre prenotate – ma non campo grazie a quello. Il fatto di non vivere di pubblicità e di blogging, mi rende anche molto più libero e indipendente, dal punto di vista delle linea editoriale: parlo di ciò che voglio, come voglio, senza condizionamenti di nessun genere.

Circa il discorso “vetrina”: grazie al blog ho ricevuto nel corso del tempo un sacco di richieste di consulenze e docenze, e ho conosciuto (anche se spesso solo virtualmente) persone inarrivabili (NdA: Davide Pozzi nel suo blog ha intervistato anche Seth Godin e Leo Babauta). Penso quindi che lato “personal branding” abbia funzionato (e stia funzionando) a dovere ”

5 modi per generare entrate dirette dal Blog

  1. Adsense
  2. Banner
  3. Infoprodotti
  4. Affiliazioni
  5. Donazioni

1. Adsense di Google

Attraverso il circuito di Adsense, Google veicola i banner pubblicitari degli inserzionisti. Pui aderire al circuito e guadagnare ospitando queste pubblicità.

Attenzione a chi millanta facilissimi introiti e cifre iperboliche, spesso è solo uno slogan per venderti una loro consulenza o servizio. Va detto inoltre che ultimamente le entrate dal questo circuito si stanno riducendo, ma per siti con traffico importante resta un canale interessante.

Guida ufficiale Google Adsense

Corso per ottimizzare AdSense (in inglese)

2. Banner – 3 siti per vendere i tuoi spazi pubblicitari:

Anche in questi casi puoi aspettarti un guadagno diretto solo se hai un traffico nutrito o comunque minore ma abbastanza importante, se tratti un argomenti di nicchia. L’editore che piazzerà i suoi annunci sul tuo sito, analiizzerà proprio i dati di entrata e permanenza dei visitatori sulle tue pagine. Se non hai molto traffico, questi siti prendono comunque in considerazione il tuo Blog dopo averlo valutato.

adsella.com/

oiopublisher.com

adclerks.com

3. Affiliazioni

Sono offerte da siti di servizi vari, come hosting, vendita temi e plugin etc. Una volta piazzati i banner – o i link nei post – di questi servizi nel tuo sito, per ogni utente che clicca ed acqusita, ricevi una commissione. La percentuale varia a seconda del tipo di servizio e di accordo con il fornitore a cui sei affiliato.

4. Infoprodotti / Recensioni

Puoi scrivere recensioni per i prodotti altrui, o segnalazioni con link in un post, a pagamento.

5. Donazioni

PayPal Donate Button è un sistema collaudato per ricevere donazioni.

Ma chi e quando può chiedere donazioni?

Chiunque realizzi contenuti e software di pubblica utilità, come tutorial video, guide, e-book, oppure plugin e temi, sempre gratuiti. La donazione infatti è proponibile per i prodotti ed i servizi non a pagamento, dove si lascia libero chi li usa, di contraccambiare come può.

Alessandra Rossi

WebSite Facebook Twitter Linkedin

Leave a Reply